Lexia – Rivista di semiotica

Lexia è la rivista internazionale di semiotica pubblicata dal Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione (DFE) dell’Università di Torino. Propone studi e ricerche aperte a ricevere e coltivare le intuizioni della semiotica di Saussure, Peirce, Lotman ed Eco.

Attiva dal 1993 al 1998 come rivista del Centro Torinese di Semiotica, è rinata in veste interamente nuova nel 2009 come rivista internazionale peer-reviewed del Centro Interdisciplinare di Ricerca sulla Comunicazione (CIRCe) diretto dal prof. Ugo Volli.

 


Pubblicazioni recenti:

ASPETTUALITÀ / ASPECTUALITY
a cura di Massimo Leone

L’oggetto tradizionale della semiotica, il segno, deriva da una selezione. Il lato significante del segno non riproduce mai semplicemente quello significato, ma piuttosto ne individua un aspetto. “Aspetto” (dal latino “aspicere”, “guardare”) etimologicamente designa ciò che appare, ciò che si presenta agli occhi, così come il modo in cui siffatta presentazione avviene. In inglese, “aspect” entra nella lingua verso la fine del XIV secolo come termine astrologico, il quale indica la posizione relativa dei pianeti per come appaiono dalla terra (ossia: come si “guardano” a vicenda). L’aspetto in semiotica è qualsiasi cosa spinga la realtà a convertirsi in significazione “sotto qualche rispetto”. La parola “rispetto”, notoriamente scelta da Peirce nella sua definizione canonica di segno, può essere considerata come una variante cognitiva della parola “aspetto”. Se “aspetto” è un particolare modo di guardare alle cose, “rispetto” è un particolare modo di pensarvi. Il rispetto è la controparte interna dell’aspetto. L’aspetto è la controparte esterna del rispetto. Tuttavia entrambe si riferiscono allo stesso processo: il significato deriva da una selezione, e l’atto del guardare ne è modello e più precipua metafora. Se “aspetto” (e, più precisamente in Peirce, “rispetto”) è una caratteristica generale di ogni dinamica semiotica, “aspettualità” ne è nel contempo un oggetto e un’area di investigazione tradizionalmente focalizzata in un particolare dominio (si potrebbe dire: “un aspetto dell’aspetto”): il tempo.

pagine: 580
ISBN: 978-88-255-0315-9
data pubblicazione: Giugno 2017
editore: Aracne
rivista: Lexia | 27-28
 supermarket-amenities Acquista da Aracne editrice

Indice


Massimo Leone

Prefazione / Preface (pag. 9-13)  

DOI: 10.4399/97888255087651       


Massimo Leone

Time and Meaning. A Cultural Semiotics of Temporal and Aspectual Ideologies (pag. 17-63)  

DOI: 10.4399/97888255087652       


Giovanni Manetti

L’aspettualità nella lingua. Marcature morfologiche ed effetti di soggettività (pag. 65-86)  

DOI: 10.4399/97888255087653       


Diana Luz Pessoa de Barros

L’aspectualisation en sémiotique. Histoires et perspectives (pag. 87-105)  

DOI: 10.4399/97888255087654       


Roberto Flores

Imperfectividad y final del relato (pag. 107-131)  

DOI: 10.4399/97888255087655       


Sémir Badir

Note de synthèse sur l’aspectualité spatiale (pag. 133-156)  

DOI: 10.4399/97888255087656       


Nathalie Roelens

Sémiotique de l’hésitation (pag. 157-180)  

DOI: 10.4399/97888255087657       


Miguel Ariza

Hacia una topología aspectual de sucesos (pag. 181-207)  

DOI: 10.4399/97888255087658       


Julia Ponzio

L’aspetto come processo d’informazione. Il rapporto fra cosa e oggetto nel pensiero di Peirce (1865–70) / Aspect as a Process of Information: The Relation between Thing and Object in Peirce’s thought (1865–70) (pag. 209-224)  

DOI: 10.4399/97888255087659       


Ugo Volli

Sarò che sarò. La paradossale aspettualità dell’Eterno nella Bibbia ebraica / “I Will Be that IWill Be”: The Paradoxical Aspectuality of the Eternal One in the Jewish Bible (pag. 227-252)  

DOI: 10.4399/978882550876510       


Stefano Traini

From the historical Jesus to Jesus deified. Discourse strategies of temporalization and aspectualization in the Letters of Paul, the Gospels and Acts (pag. 253-266)  

DOI: 10.4399/978882550876511       


Alessandro Prato

L’ipotiposi retorica. Il far vedere e l’effetto di presenza (pag. 267-279)  

DOI: 10.4399/978882550876512       


Amir Biglari

L’aspectualité du deuil et du désespoirdans Les Contemplations de Victor Hugo (pag. 281-296)  

DOI: 10.4399/978882550876513       


Alessandra Chiappori

Occhio, mente, scrittura. Appunti per uno studio dell’aspettualità spaziale in Calvino (pag. 297-314)  

DOI: 10.4399/978882550876514  


Francesca Polacci

Fotografare, scolpire, filmare. Questioni aspettuali nella traduzione intersemiotica (pag. 315-335)  

DOI: 10.4399/978882550876515       


Mariacarla Mole

Doubt. Analisi della messa in scena di un dubbio (pag. 337-350)  

DOI: 10.4399/978882550876516       


Mattia Thibault

Sub Specie Ludi. Aspettualità e aspettualizzazioni nel gioco (pag. 351-364)  

DOI: 10.4399/978882550876517       


Vincenzo Idone Cassone

Apeiron. Dinamiche aspettuali di una forma narrativa contemporanea (pag. 365-382)  

DOI: 10.4399/978882550876518       


Gabriele Marino

Nuovovecchio e soprattutto di nuovo. Riprese, persistenze e presenze nella popular music degli anni Duemila (pag. 383-400)  

DOI: 10.4399/978882550876519       


Giusy Gallo

Osservati mentre facciamo shopping. Analisi della pratica di consumo su Amazon.it (pag. 401-414)  

DOI: 10.4399/978882550876520       


Simona Stano

Gli “aspetti” del cibo. Meditazioni semiotiche su gusto e disgusto (pag. 415-439)  

DOI: 10.4399/978882550876521       


Alice Giannitrapani

Dal cane–cibo al dog restaurant. Giochi aspettuali nella dialettica alimentare uomo/animale (pag. 441-457)  

DOI: 10.4399/978882550876522       


Paola Pennisi

Mente incarnata e linguaggio. La dimensione aspettuale nella cognizione autistica (pag. 459-484)  

DOI: 10.4399/978882550876523       


Fàtima Aparecida Dos Santos

Aspectualidade e cidade. Um recorte da relação tempo e espaço como gênese (pag. 485-500)  

DOI: 10.4399/978882550876524       


Alessandro Mazzei, Andrea Valle

Sapir–Whorf vs Boas–Jakobson. Enunciation and the Semiotics of Programming Languages (pag. 501-521)  

DOI: 10.4399/978882550876525       


Franciscu Sedda

L’aspetto della nazione. Divenire, tempo e storia in un caso di negazione nazionale (pag. 523-548)  

DOI: 10.4399/978882550876526       


Marco Celentano

Arts and Humanities in Progress. A Manifesto of Numanities, di D. Martinelli (pag. 551-561)  

DOI: 10.4399/978882550876527      


 

Cerchi i numeri precedenti? Visita l’Archivio di Lexia.